Agevolazioni per la microimpresa: a gennaio 2016 le domande online

Pubblicato giovedì 22 ott 2015 alle 01:07PM in Credito

Buone notizie per le donne e i giovani che vogliono dare vita ad una microimpresa: dal 13 gennaio 2016 sarà possibile presentare le domande per ottenere le agevolazioni previste dal Ministero dello Sviluppo Economico (MiSE). Le candidature dovranno pervenire solo in via telematica, accedendo al sito di Invitalia, l’Agenzia nazionale per l’attrazione degli investimenti e lo sviluppo d’impresa.

Nuove imprese a tasso zero”, questo è il nome della misura che prevede di stanziare 50 milioni di Euro a favore dell’autoimprenditorialità under 35 e femminile, che andranno a finanziare progetti per una spesa massima di 1,5 milioni di Euro. Gli incentivi regolano l’erogazione di finanziamenti agevolati a tasso zero che potranno coprire fino al 75% - il 25% deve essere sostenuto dalla microimpresa - delle spese per una durata di 8 anni.  

Requisiti per accedere ai finanziamenti previsti per la microimpresa

Per presentare la domanda e quindi ottenere le agevolazioni previste dal MiSe, le microimprese dovranno rispettare i seguenti requisiti:

•    Devono essere imprese partecipate in prevalenza da giovani con un’età compresa tra i 18 e i 35 anni o da donne;
•    Le società richiedenti devono essere costituite da non più di 12 mesi dalla presentazione dell’istanza;
•    Le persone fisiche che vogliono accedere ai finanziamenti devono costituire la società entro 45 giorni dall’ammissione degli stessi.

Per quanto riguarda, invece, i progetti che sono suscettibili di finanziamento, si avrà una particolare attenzione per tutte quelle iniziative turistico-culturali volte alla valorizzazione del patrimonio artistico, paesaggistico e storico dei territori e al perfezionamento dei servizi ricettivi. Rilevanza sarà data anche alle attività di innovazione sociale, cioè quelle attività che producono beni e servizi tesi alla soddisfazione di bisogni sociali attraverso iniziative innovative.
Allargando l’orizzonte, i settori che possono richiedere le agevolazioni sono: agricoltura, artigianato, industria, turismo, servizi e commercio.

Passando, invece, alle spese ammissibili, queste dovranno riguardare beni materiali e immateriali volti alla creazione e all’avvio della microimpresa e dovranno essere pagate tramite un conto corrente dedicato all’iniziativa. Nel dettaglio:

•    Spese per il suolo aziendale;
•    Spese per le opere edili e ristrutturazioni dei fabbricati;
•    Spese per attrezzature e macchinari;
•    Spese per brevetti e licenze;
•    Spese per servizi informatici;
•    Spese per formazione di soci e dipendenti, nonché per consulenza esterne.

Quali sono i termini per presentare le domande di finanziamento per la microimpresa

Le domande per la concessione dei finanziamenti potranno essere inviate a partire dal 13 gennaio 2016, unicamente via internet tramite il sito di Invitalia e dovranno essere redatte in lingua italiana. Alla domanda, le micro e piccole imprese dovranno allegare il piano di impresa – in cui verranno indicati la descrizione del progetto, l’analisi del mercato di riferimento e tutti gli aspetti tecnici, organizzativi e finanziari previsti dall’iniziativa – insieme all’atto costitutivo, allo statuto e all’attestazione riguardanti il possesso dei requisiti necessari per accedere alle agevolazioni.

Vuoi ricevere maggiori informazioni sui finanziamenti alla microimpresa? Contatta Sistema RATIO e scopri tutti i vantaggi per la tua attività.

Vuoi restare sempre aggiornato in materia di finanziamenti e agevolazioni per la tua impresa? Iscriviti a Mestiere Impresa e fai crescere il tuo business.

Autore:
redazione


Non ci sono ancora commenti.
I commenti sono chiusi.